Banda ultralarga, cresce la connettività dell’Emilia Romagna. Aree bianche in rete entro il 2020

Proseguono i lavori di realizzazione del Piano Banda ultralarga regionale dell’Emilia Romagna: raggiunto il 75% delle unità immobiliari, dato simile a quello della Toscana, contro il 72% della Lombardia, il 70% del Lazio, il 68% del Veneto, il 55% del Piemonte, solo per citare alcune regioni tra le più attive nel processo di infrastrutturazione del territorio.
Per verificare il livello di copertura del territorio e dei singoli Comuni, comunque, basta dare un’occhiata alla mappa fornita dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) e accessibile sul sito ufficiale del Piano nazionale Banda ultralarga. Lo stato di avanzamento dei lavori in Emilia Romagna vede aperti numerosi cantieri, con l’obiettivo finale di portare la rete, la connettività ed i servizi a banda di almeno 30Mbps sia nelle aree bianche, o a fallimento di mercato, sia nel resto della regione a tutti i cittadini e le imprese.