Attiviamo il futuro con la BUL e il 5G – Tappa marchigiana del road-show sulla Banda Ultralarga: “Per l’Italia, un nuovo piano Marshall delle infrastrutture digitali”.

Torna nelle Marche il road-show “Attiviamo il futuro: Banda Ultralarga e 5G”, nell’ambito del progetto Strategia Digitale 2021, un tour finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e organizzato da ALI – LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI.

L’evento si è svolto in modalità digitale il 10 giugno ed è stato moderato da Isabella Bosano, del Consiglio Nazionale Ali e Assessore alle Strategie Culturali e Fragilità Sociali del Comune di Offida. Nel corso dell’evento sono intervenuti Serena Carota, Dirigente Sistemi Informativi e telematici della Regione Marche, Salvatore Lombardo, Direttore Generale Infratel Italia, Francesca Frenquellucci, Assessore all’Innovazione del Comune di Pesaro, Andrea Di Giuseppe, Dirigente  IT e Progetto “Ancona Smart City” del Comune di Ancona – Informacittà e Sergio Calvaresi, Consigliere Comunale con delega all’Ambiente del Comune di Monteprandone. Ha concluso i lavori Alessandro Broccatelli Direttore Progetto MISE “Crescita Digitale in Comune”.

La dottoressa Serena Carota ha ricordato come la Regione Marche abbia cercato di svolgere il ruolo di facilitatore per superare i ritardi nei cantieri, dovuti per lo più alla complessità dei procedimenti amministrativi e agli iter autorizzativi. Importanti si sono rivelate le periodiche riunioni di monitoraggio con Open Fiber e Infratel, per analizzare caso per caso le situazioni e affrontare i singoli problemi. Carota ha ricordato che nel 2020, dei 236 comuni marchigiani, sono giunti alla fine del collaudo dell’infrastruttura BUL 31 di essi e ulteriori 21 nei primi 5 mesi del 2021. Infine, ha sottolineato che il recente decreto semplificazioni è intervenuto per accelerare gli iter.

Il Direttore generale di Infratel Italia Salvatore Lombardo ha esordito su un punto decisivo, di carattere strategico: la fase in atto, di sostituzione dei vecchi fili di rame con la più moderna fibra ottica, può essere configurata come una svolta epocale che garantirà per almeno tre decenni un servizio importante a famiglie, imprese e istituzioni. Lombardo ha, però, voluto indicare la maggiore criticità di questa fase: l’assenza di manodopera e di imprese capaci di effettuare i lavori. Mentre sulla progettazione l’Italia si è rivelata molto avanti e sono nate nuove imprese in tal senso, sul fronte dei cantieri sta emergendo un po’ di sofferenza, che potrebbe aggravarsi quando saranno rese disponibili le ulteriori risorse previste dal PNRR.

L’Assessora Frenquellucci del Comune di Pesaro ha arricchito la discussione riferendo dell’esperienza positiva della propria realtà, marcando comunque una difficoltà per quello che riguarda la copertura delle aziende ubicate nelle aree limitrofe alla città.

Il dottor Di Giuseppe ha riferito di quanto implementato dal Comune di Ancona in termini di intreccio tra digitalizzazione dei servizi e banda ultralarga. La BUL, infatti, copre tutti gli immobili comunali, scuole comprese, garantendo la fornitura di servizi ai cittadini di alta qualità.

Al Consigliere Calvaresi del Comune di Monteprandone (AP) è spettato riportare l’esperienza di un comune medio piccolo, il cui territorio è ricompreso tutto nelle cosiddette aree bianche. Ha sottolineato che, purtroppo, i lavori sono fermi da alcuni mesi, ma è fiducioso rispetto alle nuove tempistiche che prevedono la fine dei lavori entro l’anno in corso e il collaudo nel primo semestre 2022. Il Comune di Monteprandone è molto impegnato anche a governare il fenomeno della installazione delle antenne 5G, avendo in fase di conclusione la redazione del Piano Antenne.

Al Dottor Broccatelli è spettato il compito di concludere l’interessante discussione, riprendendo alcuni dei temi affrontati dai relatori. In particolare, Broccatelli ha specificato con forza che questo investimento rappresenti per l’Italia una sorta di nuovo e moderno “Piano Marshall delle infrastrutture digitali”.

Aggiornamenti e informazioni sui prossimi eventi possono essere trovati sul sito www.bandaultralargaincomune.it e sulla pagina facebook “Strategia digitale”, nella quale è possibile visionare la registrazione dell’evento dedicato alle Marche.